Fraternità Francescana
Madre della Riconciliazione e della Pace

In questi anni il Signore ci ha attratti a Sé mediante il desiderio vivo di stare con Lui in un clima di preghiera fraterna, unendo i cuori nel vincolo della pace. Questo profumo non poteva rimanere nascosto nei nostri poveri vasi di creta, ed è fuoriuscito espandendosi all’intorno e attirando molti fratelli, affinché la Parola fosse ascoltata, meditata, pregata, adorata e vissuta nei luoghi del quotidiano da veri costruttori di Pace.

Lungo questo percorso lo Spirito Santo ha seminato i suoi innumerevoli doni ed ispirato molteplici preghiere, quali momenti d’amore per contemplare lo Sposo e lasciarsi plasmare alla Sua divina presenza. Abbiamo voluto raccogliere in questo libro quelle che ci sono sembrate maggiormente significative nel solco della nostra spiritualità francescana e mariana, sicuro cammino per quanti saranno chiamati dal Signore sulla medesima via.

Abbiamo innanzitutto inserito l’Angelus, con il quale la Chiesa ci invita a fare memoria al mattino, a mezzogiorno e alla sera, del  mistero dell’Incarnazione del Signore, mistero di Riconciliazione e di Pace, convinti di fare servizio utile e gradito nel proporre un’unica formulazione tratta dal Compendio del Catechismo della Chiesa cattolica. Nel Tempo di Pasqua, quando esplode la gioia per la Risurrezione del Signore, esso viene sostituito dal Regina coeli.

Segue la preghiera dei membri della Fraternità alla Madre della Riconciliazione e della Pace, che racchiude in sé i capisaldi della nostra spiritualità e del nostro carisma, per implorare ed ottenere di vivere e portare a compimento nella fedeltà e nella gioia la nostra chiamata personale e fraterna. Con le stesse intenzioni, alla fine di questo libro, è riportata la preghiera alla Madre della Riconciliazione e della Pace per i membri dei gruppi di preghiera che sono sorti nel solco del nostro cammino.

Importante è la sezione dedicata alla preghiera del Santo Rosario, tanto caro al Cuore Immacolato di Maria e che molti Pontefici hanno indicato quale sicura via di guarigione interiore e di diffusione della pace. Esso è preceduto sempre dal Credo, per ravvivare la fede apostolica, e dall’invocazione allo Spirito Santo mediante la Sequenza o l’Inno che la Tradizione della Chiesa tramanda da secoli.

La preghiera del Rosario ha un ritmo settimanale nel quale, conservando il percorso tradizionale (misteri gaudiosi il lunedì; misteri luminosi il giovedì; misteri dolorosi il venerdì, misteri gloriosi la domenica; tutti accompagnati dalle Litanie Lauretane), abbiamo inserito nuovi schemi che favoriscono la meditazione e la preghiera di intercessione:

-         martedì: il Rosario della Madre, con le principali verità di fede sulla B.V. Maria. Esso è accompagnato dalle Litanie a Maria Regina;

-         mercoledì: il Rosario della Pace, seguito dalle Litanie del Sacro Cuore;

-         sabato: il Rosario della Speranza, che ci aiuta a contemplare Maria quale Madre della speranza prefigurata in Abramo, nella Regina Ester, nella madre dei sette fratelli Maccabei, presso la croce di Gesù, e quale Madre della Gioia nelle apparizioni del Risorto. Esso è accompagnato dalle Litanie a S. Maria della Speranza .

Abbiamo voluto arricchire la sezione dedicata ai Rosari con la Corona francescana dei sette gaudi di Maria, che tradizionalmente si prega il sabato.

Lo Spirito Santo ci ha donato anche: l’ Adorazione Eucaristica sullo stile del Rosario, accompagnata dalle Litanie della Santa Eucaristia; la Via Incarnationis, nei mercoledì dei Tempi di Avvento e Natale, accompagnata dalle Litanie del Bambino Gesù; la Via Crucis francescana, per meditare la Passione di nostro Signore con il cuore del Poverello d’Assisi; la Novena all’Immacolata incentrata sulle virtù indicate nel nostro Statuto (cfr. art. 6), compendiata dalle Litanie dell’umiltà.

Non potevano mancare la Coroncina alla Divina Misericordia e, una novità nata in seno alla nostra Fraternità: la Coroncina ai nostri Santi protettori. Infine, la preghiera di ringraziamento dei Sette Pater, Ave e Gloria che sempre accompagna le nostre celebrazioni, e l’Atto di affidamento della Fraternità alla Madre della Riconciliazione e della Pace.

La preghiera è fonte di guarigione del cuore quando è incontro autentico con il Signore; è fonte di gioia quando è animata dallo Spirito; è fonte di riconciliazione e di pace quando è forte, perseverante ed offerta al Padre, comunitariamente, come un cuore solo e un’anima sola.

            L’estro degli animatori della preghiera renda vivi questi testi e, in comunione con il nostro amato Papa Francesco: “A Maria, nostra tenera Madre, chiediamo di indicare al mondo intero la via sicura dell’amore e della pace” (Angelus, 4 gen 15).

 

Presentazione